Una leggenda metropolitana……vera.

Nel 1982, circolò un appello, prima a voce e tra gracchianti radioamatori, poi, per posta e attraverso i giornali in cui un bambino di Paisley, in Scozia, soprannominato “Little Buddy”, affetto da leucemia, aveva espresso il desiderio di battere il record di cartoline ricevute. In realtà non esisteva alcun record ma l’ufficio postale della cittadina fu’ invaso da qualche milione di cartoline da tutto il mondo che, non furono mai recapitate poiché a Paisley non esisteva e, non era mai esistito, nessun Little Buddy.
Nel 1989, un giovane inglese, tal Mario Morby, affetto da cancro, fu il primo a iscrivere un record sul Guinness dei Primati con circa un milione di cartoline ricevute ma anche qui, grava il forte sospetto che Mario non fosse mai esistito in quanto, qualche anno dopo, si diffuse una voce secondo cui lo sventurato fosse morto a causa di una pila di sacchi di cartoline che lo seppellì.

Ecco che, nel 1989 a Craig Shergold , bambino di nove anni di Wallington, centro a sud di Londra, venne diagnosticato un tumore al cervello che, secondo i medici del “Royal Mardsen Hospital” , non gli avrebbe dato scampo. La madre di Craig, amici e parenti , nel tentativo di sollevare il morale del piccolo, fecero partire una catena di Sant’Antonio in cui si richiedevano dei biglietti di auguri da inviare a Shergold in modo che potesse fare record nel Guinness dei Primati e battere il primato di Mario. Tra stampa e ufficio londinese di “Children Wish Foundation” parti una campagna mondiale che produsse in un solo anno 16 milioni di cartoline ed il nuovo record.
book_cover
Il ritmo era di circa 27 mila cartoline a settimana , tra le quali quelle firmate da Margaret Thatcher, Gorbaciov, Michael Jackson, Madonna e Schwarzenegger .Ma è nel ‘ 91 che arriva la lettera più importante; la scrive John Kluge, uno degli uomini più’ ricchi d’ America, che manifestava l’intenzione di pagare le spese per un’ operazione in uno dei migliori ospedali del mondo, il Medical Center dell’Università della Virginia. Il 23 maggio ‘ 91 Craig torna a casa con 160 punti di sutura in testa, svariate tonnellate di cartoline da controllare, ma soprattutto, definitivamente guarito, dopo un intervento riuscito che aveva rimosso il tumore.
shergold2
Nel 1991 il Guinness aggiorna il primato e segna 33 milioni di cartoline a favore di Graig. Ma ecco che la catena di Sant’Antonio, ormai senza fine, sbarca su internet e nel 1998, la valanga di cartoline passa a circa 250 milioni con un ritmo di 36 sacchi a settimana negli uffici postali e, tonnellate di cartoline negli uffici “ad personam” aperti per Craig negli ospedali della sua città e nella “Children’ s Wish Foundation”.
2325015
Oggi, Graig sta bene, non fa apparizioni in pubblico e, la sua storia sopravvive su 1.280 siti e in altrettanti gruppi di discussione on line, tanto che, non appena parte una news group contenente un suo riferimento , le cartoline riprendono a partire ed arrivare furiosamente.
Ad oggi , si stima che egli abbia ricevuto circa 350 milioni di biglietti di auguri, dal giorno in cui chiese a tutta l’umanità che gli inviassero una cartolina .Graig oggi è vittima di una solidarietà senza fine che è talmente spropositata, inarrestabile da essere oggetto, anche, di migliaia di pagine Web dedicate, specie, tra le “leggende metropolitane”. Insomma , la storia sembra così paradossale che qualcuno avanza il sospetto che sia una bufala colossale. Roba da non crederci.
Craig Shergold
Ma Graig c’è, esiste, seppure schiavo della sua leggenda , continua ad essere il protagonista reale di una storia altrettanto vera che non riesce ad esaurirsi ma che ogni giorno si autoalimenta in un delirio di cartoline incontrollato. Se la solidarietà si affievolisce in Brasile, riparte con slancio dalla Svezia, per cui, non appena il flusso di milioni di missive comincia a scemare ecco che nel web riparte un appello per Craig ed è così che la rete continua ad amplificare una storia passata , che come Graig , non è destinata a morire.
Sono anni che questo ex ragazzo, cosi’ come quando era un bambino malato, vorrebbe che si avverasse un altro suo desiderio, l’ultimo. Graig desidera essere dimenticato, infatti ,vinta la timidezza e preso coraggio, ha veicolato più volte un messaggio attraverso i suoi amici , l’ultimo appello un anno fa – “Vi ringrazio per i milioni di cartoline, ma ora fermatevi, ve ne prego” .
Ma il mondo, la solidarietà ed il web ,incuranti, , hanno fatto impennare nuovamente il numero dei pacchi di cartoline che, oggi , si attesta a circa una trentina a settimana , cui, un team apposito ,dopo un piccolo controllo , stacca il francobollo, avviando il resto della carta ad aziende di riciclaggio.
Carta e materiale filatelico, comunque, fruttano intorno 35 mila euro l’anno che la mamma di Graig, dona alle associazioni di ricerca sul cancro.
La leggenda, volenti o nolenti, è destinata a continuare.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...